news, comunicazione, grafica ... pausa caffè

Pittogramma

Pittocosa?! Il pittogramma è l’elemento grafico che caratterizza il logo, la sua parte non testuale. Ma può essere abbastanza riconoscibile e fissato nella mente delle persone da funzionare da solo? Se lo è chiesto Mastercard® che voleva un logo immediato e semplice, per essere efficace su strumenti online e lasciare, anche visivamente, quel “card” ossia l’idea di dare solo servizi legati alla carta. L’azienda ha eseguito indagini per oltre un anno per assicurarsi che i due cerchi intersecati fossero capaci di richiamare il brand nella mente delle persone.

La risposta è stata positiva infatti più dell’80% ha riconosciuto spontaneamente il simbolo di Mastercard. Questo dà la dimensione di come un simbolo unico e distintivo unito alla storia dell’azienda possano diventare iconici nella mente delle persone.

Il 31 gennaio sono scaduti i termini per presentare la dichiarazione sostitutiva per ottenere il credito d’imposta sugli investimenti incrementali eseguiti in campagne pubblicitarie nel 2018.

La pubblicità

Come si è modificato il mercato pubblicitario? Nel periodo gennaio-novembre gli investimenti pubblicitari hanno registrato un +2,1% rispetto allo stesso periodo del 2017.

Però non tutti i comparti crescono allo stesso modo! La pubblicità sul web mette a segno un +8,1%; crescono anche radio (+5,3%) e TV (+1%), fanno ancora meglio cinema +13,3, transit +12,7% e Go TV +13%.

Ma se la crescita media è “solo” del 2,1% significa che alcuni comparti sono in negativo: -6,2% i quotidiani, -8,1% i periodici e -9,7% l’outdoor. Sono molte le motivazioni per questi andamenti divergenti, in particolare le caratteristiche dei vari strumenti e il nuovo modo di fruizione dei contenuti da parte delle persone. Ad esempio la pubblicità sul web è più accessibile anche con budget limitati e può essere maggiormente monitorata; un altro esempio positivo è lo spazio pubblicitario al cinema che ha il pregio di non avere concorrenza o distrazioni in quel dato momento.